chi_siamo
  tasto_home tasto_chi_siamo tasto_progetti eventi tasto_contatti tasto_adeane tasto_sostienici tasto_galleria badiera italiana bandiera francese
senegal_adeane

ASSOCIAZIONE ONLUS JAMM ITALIA
Nasce nel Maggio 2009, partner di Jamm Senegal, per promuovere e sponsorizzare le attività intraprese ad Adeane.

Siamo costituiti da persone competenti e abilitate, residenti a Torino e provincia, professionisti nel campo della comunicazione, grafici, fotografi, registi, musicisti, tecnici del suono, informatici, e professionisti nel campo delle energie alternative rinnovabili (solare, idrica, eolica, ecc)

L´associazione Jamm Italia sostiene le attività agricole, l'allevamento di polli e montoni, di panificazione, pesca, ristorazione, e la formazione in agricoltura, alfabetizzazione, informatica, e di tecnici per installare gestire e fare manutenzione degli impianti fotovoltaici, gestita dall'associazione onlus EFrem di Brescia, si rivolge ai membri dell'associazione Jamm in Casamance, Senegal, ai giovani e alle donne del vilaggio di Adeane.

L´associazione Jamm, che significa pace, opera in Senegal nella regione Casamance al fine di migliorare le condizioni di vita, di alimentazione e di formazione professionale nel piccolo villaggio di Adeane, con l'intento di replicare il modello di fattoria multifunzionale in diversi altri villaggi del Senegal.

Riconosciuta come onlus anche in Senegal, è gestita da dieci persone.


I soci sono quasi tutti giovani e donne del villaggio:

  • un pescatore
  • un falegname
  • un insegnante
  • un musicista
  • un idraulico
  • un saldatore
  • tre studenti
  • un allevatore

Abbiamo identificato un piccolo paese come la realtà di Adeane per essere certi di raggiungere i nostri obiettivi e per avere una maggiore facilità di monitoraggio dei risultati sia per quanto riguarda il lavoro che per i servizi.

grano00

   
   
   
  5permille  
  Soutien avec virement bancaire:
Associazione Jamm Italia Onlus
CF 97716210014
Banca Intesa San Paolo Torino
IBAN: IT 41 Q 03069 01029 100000002805

ou avec Paypal en cliquand sur l'image en dessous:
 
 
 

Promotori:
Associazione Jamm Senegal Onlus
Associazione Jamm Italia Onlus
www.adeane.org

Partners:

Università degli Studi di Torino

Istituto R. Vaglio - Biella
www.iisvaglio.it

Associazione Formeduca
formeduca.org

QUBÍ
qubito.org

Associazione Arcobaleno;
www.assarcobaleno.org

Davide Gneri Audiovidéo Productions
Davide Gneri FB

Gianni Ingrosso - Fotografo e web
www.gianniingrosso.com

Marco Finetti - Playback Theater
www.playback-theatre-alnair.it

Umberto Arione Audiovidéo Productions

Mario Miglio- Ingegnere

Caterina D'Orazio- Educatrice

Gabriella Giuffrida - Torino

Assane e Samba M'Baye - Musicisti

Maurizio Ghedi - Torino

Angela Pellegrini - Torino

ABD EL - direzione e produzione video - Genova -

 

fondo
jammarea
STATUTO "ASSOCIAZIONE ONLUS - JAMM ITALIA" DISPOSIZIONI GENERALI

- Art. 1 - Denominazione - E' costituita l'Associazione denominata Associazione Onius - Jamm Italia.

- Art. 2 - Sede - L'Associazione ha sede in Torino, via Oslavia n. 19. Con delibera degli organi sociali competenti possono essere istituite e soppresse su tutto il territorio nazionale sedi secondarie, delegazioni e uffici distaccati.

- Art. 3 Durata - L'Associazione ha durata fino all'anno 2050.
- Tale termine può essere prorogato con delibera dell'Assemblea anche prima della scadenza.

- Art. 4 - Scopo ed oggetto - L'Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza e solidarietà sociale, beneficenza, promozione della cultura e dell'arte e assistenza socio- sanitaria volte a recare vantaggio alla popolazione del continente africano proponendosi di ideare e realizzare progetti che diano alla vita una qualità quanto più possibile - rispondente ai bisogni della società contemporanea. - Essa in linea generale si prefigge pertanto di:
a) operare a favore della pace;
b) rispettare i diritti degli uomini ed in particolare dei bambini senza alcuna discriminazione di sesso, razza e religione;
c) aiutare la popolazione ed in particolare i bambini poveri, ammalati e senza istruzione;
d) operare a favore delle popolazioni con progetti mirati e concreti;
e) sollecitare le donazioni dai privati dando massima trasparenza sullo scopo della raccolta dei fondi e sui risultati raggiunti;
f) gestire i fondi ricevuti.

- L'associazione pertanto può finanziare la costruzione di pozzi d'acqua, scuole, centri medico assistenziali, patrocinare, promuovere e curare qualsiasi iniziativa o attività che sia ritenuta da essa opportuna per reperire i mezzi occorrenti e comunque perseguire gli scopi anzidetti.

- Art. 5
- Soci
- I soci della società possono essere effettivi, onorari o sostenitori.
- Sono soci effettivi dell'Associazione le persone fisiche, giuridiche e gli Enti che siano interessati agli scopi dell'Associazione, presentino domanda di ammissione e ne siano accettati. La presentazione della domanda comporta il pagamento della quota annuale, l'accettazione dello statuto e l'impegno ad uniformarsi allo stesso.
- Le ammissioni sono deliberate dal Consiglio Direttivo a maggioranza dei suoi componenti. Le domanda devono essere presentate da almeno un associato.
- il Consiglio Direttivo può conferire il titolo di socio onorario e di socio sostenitore alle persone fisiche o giuridiche che, a giudizio del Consiglio, ne abbiano acquisito il merito rispettivamente in relazione a donazioni o liberalità fatte all'Associazione o alle caratteristiche etiche e morali della persona. Il socio onorario e il socio sostenitore non sono tenuti al pagamento della quota annuale.

- Art. 6
- Recesso, esclusione e decadenza
- I soci cessano di far parte dell'Associazione per recesso, per esclusione o decadenza.
- L'esclusione del socio che sia venuto meno ai doveri sociali o abbia svolto l'attività in contrasto con gli scopi dell'associazione può essere deliberata dal Consiglio e sentito l'interessato.
- Composizione dell'Assemblea
- L'Assemblea è composta da tutti i soci dell'Associazione.
- L'Assemblea è presieduta dal Presidente dell'Associazione e in caso di sua assenza dal Vice Presidente.

- ORGANI SOCIALI
- Art. 7
- Sono organi sociali dell'associazione:
1) l'Assemblea;
2) il Consiglio Direttivo;
3) il Presidente;
4) il Vice Presidente;
5) il Collegio dei Revisori qualora nominato.

- Art. 8
- l'approvazione del bilancio.
L'Assemblea deve essere convocata entro otto giorni dalla scadenza del mandato degli organi dell'associazione al fine di eleggere i nuovi organi.

- Art. 9 - Convocazione
- L'Assemblea si riunisce su convocazione del Presidente o in caso di sua assenza dal Vice Presidente.
- Il Presidente, o in caso di sua assenza il Vice Presidente convoca l'Assemblea con avviso scritto, contenente l'ordine del giorno, da affiggersi presso tutte le sedi dell'Associazione almeno otto giorni prima rispetto alla data della convocazione dell'Assemblea. L'Assemblea deve essere convocata almeno una volta all'anno per il socio che intende recedere deve comunicarlo per iscritto al Consiglio Direttivo almeno tre mesi prima della fine dell'anno solare; in difetto l'iscrizione si intende rinnovata per l'anno successivo con conseguente obbligo di pagamento della quota.
- Se un socio è moroso nel pagamento della quota annuale la sua decadenza è deliberata dal Consiglio Direttivo.
- I soci receduti, esclusi o decaduti o che comunque abbiano cessato di appartenere all'Associazione non possono riavere i contributi versati e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell'associazione.

- Art. 10
- Validità deli'Assemblea
- L'Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti in proprio per delega. Ogni socio non può avere più di cinque deleghe.

- Art. 11
- Votazioni
- L'Assemblea delibera a maggioranza dei voti dei soci presenti personalmente o per mezzo delega.

- Art. 12
- Verbalizzazione
- Le deliberazioni Assembleari sono riassunte in un verbale redatto da un componente dell'Assemblea e sottoscritto dal medesimo e dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice Presidente. li verbale può essere consultato da tutti i soci che hanno diritto di trame copia.

- Art. 13
- Consiglio Direttivo
- L'Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da un minimo di tre a un massimo di nove membri eletti dall'Assemblea
- dei soci tra i propri componenti. Il Consiglio si riunisce validamente con la presenza di almeno la maggioranza dei Consiglieri. II Consiglio è convocato con avviso scritto contenente l'ordine del giorno, da recapitarsi a tutti i consiglieri, a cura dei Presidente, o in caso di sua assenza del Vice Presidente, almeno cinque giorni prima della data di convocazione.

- Art. 14
- Durata e funzioni
- Il Consiglio Direttivo dura in carica per il periodo di tre anni. Al Consiglio competono tutti i poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria, da esercitare nel rispetto delle iinee programmatiche approvate dall'Assemblea. Le deliberazioni del Consiglio sono assunte a maggioranza dei presenti. In caso di parità di voti prevale il voto espresso dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice Presidente.

Art. 15
- II Presidente
- Il Presidente dell'Associazione è anche Presidente del Consiglio Direttivo e in caso di sua assenza ne assume le veci il Vice Presidente. Il Presidente e il Vice Presidente sono eletti dall'Assemblea, tra i Consiglieri.

- Art. 16
- Funzioni
- Il Presidente e il Vice Presidente hanno, disgiuntamente fra loro, la legale rappresentanza dell'Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio.
- Il Presidente presiede l'Assemblea e il Consiglio Direttivo e cura l'ordinato svolgimento dei lavori; in caso di sua assenza tali funzioni sono assunte dal Vice Presidente. Il Presidente, o in caso di sua assenza il Vice Presidente, sottoscrive il verbale dell'Assemblea curandone la custodia presso i iocali deil'Associazione.

- Art. 17
- Collegio dei Revisori
- L'Assemblea può nominare un Collegio dei Revisori composto da tre membri. I membri del Collegio possono essere scelti anche fra non soci. II funzionamento e i compiti del Collegio sono quelli stabiliti dalla legge. Il Collegio dei Revisori ha durata in carica per anni tre.

- Art. 18
- Compensi Eventuali compensi da corrispondere agli amministratori e ai revisori sono determinati dall'Assemblea dei soci. Eventuali compensi da corrispondere al Presidente, al Vice Presidente e ai Consiglieri ai quali ~ vengono attribuiti particolari incarichi sono determinati dal Consiglio Direttivo.

- Art. 19
- I beni
- I beni dell'associazione sono mobili, immobili e mobili registrati. I beni immobili e i beni mobili registrati possono essere acquistati dall'associazione e sono ad essa intestati. Tutti i beni appartenenti all'associazione sono elencati in un apposito inventario, depositato presso la sede dell'associazione e consultabile da tutti gli aderenti.

- Art. 20
- Contributi
- I contributi dei soci sono costituiti dalla quota d'iscrizione annuale, il cui importo viene stabilito annualmente dal Consiglio Direttivo. Le quote annuali, successive a quelia iniziale, devono essere versate entro il termine dell'approvazione del rendiconto annuale.

- Art. 21
- Erogazioni, donazioni e lasciti, convenzioni
- L'Associazione può ricevere erogazioni liberali in denaro e le donazioni ed accettare con beneficio d'inventario lasciti testamentari. Le erogazioni, le donazioni e i lasciti sono accettati in armonia con le finalità statutarie dell'ente. Il Presidente, e in caso di sua assenza il Vice Presidente, attua le delibere di accettazione e compie i relativi atti giuridici.

- RISORSE ECONOMICHE
- Art. 22
- Esercizio sociale
- L'esercizio sociale decorre dal primo gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

- Art. 23
- Bilancio Preventivo
- Il Consiglio Direttivo può predisporre entro il 31 marzo di ogni anno il;
- lI bilancio previsionale per l'anno successivo e la relativa relazione.
- Il bilancio previsionale deve evidenziare la situazione finanziaria ed economica. Il bilancio previsionale, qualora elaborato, deve essere sottoposto alla valutazione e approvazione dell'Assemblea dei soci entro il 30 aprile di ogni anno.

- Art. 24
- Bilancio consuntivo
- AI termine dell'esercizio ii Consiglio Direttivo provvede alla redazione del bilancio e lo sottopone all'approvazione dell'Assemblea dei soci entro il 30 aprile dell'anno successivo a quello cui il bilancio si riferisce.

- Art. 25
- Destinazione degli utili e distribuzione del patrimonio
- Gli eventuali utili dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
- E' fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, gli utili di esercizio, le riserve i fondi di gestione ed il capitale durante la vita dell'associazione.

- DISPOSIZIONI GENERALI E FINALI
- Art. 26
- Scioglimento
- Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dell'Assemblea dei soci che deve nominare uno o più liquidatori, preferibilmente fra i soci stabilendone i poteri.

- Art. 27
- Devoluzione del patrimonio
- All'atto dello scioglimento è fatto obbligo all'Associazione di devolvere il patrimonio residuo ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n. 662 salvo destinazione imposta dalla legge.